Benvenuto nel sito “Ravello e le sue Chiese”.
Ravello, centro internazionale di storia, cultura, arte e religiosità, aperto a visioni di mare e di cielo,
in una perfetta fusione di arte e natura, dona al visitatore serenità e profonda immersione nel
“Mistero dell’Infinito”. Il sito intende favorire la fruizione delle “mirabili chiese” ed elevare
lo spirito alla contemplazione delle vestigia del passato innanzi alle quali il cuore arde e l’anima
si eleva a Dio.

Buona Navigazione
Mons. Giuseppe Imperato

 

Il Papa e lo spazio digitaleVatican.vaL'Eucarestia. Il massimo dono di Dio per noi.

Commento al Vangelo di Domenica 26 Aprile 2015

Leggi il Periodico ”Incontro per una Chiesa Viva”

Leggi il Numero 3 - Aprile 2015

E' disponibile il nuovo numero di "Incontro per una Chiesa Viva", il periodico della Comunità ecclesiale di Ravello diretto da Mons. Giuseppe Imperato.

L'edizione di aprile (scaricabile a lato) propone, in prima pagina, una riflessione sul mistero della Pasqua, ispirata al messaggio rivolto da Papa Francesco ai fedeli di Napoli nel corso della sua ultima Visita Pastorale.

Il 13 marzo 2015, nel secondo anniversario del suo pontificato, il Pontefice ha annunciato il Giubileo straordinario sulla Misericordia, che avrà inizio dalla prossima Solennità dell'Immacolata, per concludersi il 16 novembre 2016, Solennità di Cristo Re. L'evento viene illustrato nei suoi dettagli dall'editoriale di Civiltà Cattolica, che si ritiene doveroso far conoscere ai lettori del periodico.

L'ampia pagina delle cronache si apre con la celebrazione delle "Ventiquattro ore per il Signore", proposta da Papa Francesco in questa Quaresima 2015, da venerdì 13 a sabato 14 marzo, in preparazione della IV Domenica di Quaresima, la Domenica della Gioia.

Nello scorso mese di marzo si sono celebrate, in Santa Maria a Gradillo, le tradizionali Giornate Eucaristiche, che hanno visto una soddisfacente partecipazione popolare, di cui è stato fornito un minuzioso resoconto. Continua la lettura

Celebrazioni della Settimana Santa 2015

Nella Settimana Santa la Chiesa celebra i misteri della salvezza: l’opera della redenzione umana e della perfetta glorificazione di Dio compiuta da Cristo, specialmente negli ultimi giorni della sua vita, per mezzo del mistero pasquale. Egli morendo ha distrutto la morte e risorgendo ha ridato a noi la vita. La Settimana Santa inizia con la domenica delle Palme “della Passione del Signore”,comprende le ferie dal lunedì al giovedì e culmina con il Triduo Pasquale. 

Scarica il Programma della Settimana Santa 2015

29 MARZO - Domenica delle Palme Ore 8.00-19.00: Sante Messe 

Ore 10.15: Benedizione delle Palme a Santa Maria a Gradillo e processione verso il Duomo per la celebrazione della Santa Messa.
 
30 MARZO - Lunedì Santo 
Ore 18.30:  Via Crucis Liturgica per le vie del paese con partenza dal Cimitero.
 
31 MARZO - Martedì Santo 
Ore 18.30: Liturgia Penitenziale in Duomo. Continua lettura

Dal 2 al 5 Marzo si celebrano le Giornate Eucaristiche

La Commissione liturgica della Parrocchia di Santa Maria Assunta di Ravello comunica che da lunedì 2 a giovedì 5 marzo, presso la Chiesa di Santa Maria a Gradillo si celebrano le giornate eucaristiche, le cosiddette Quarantore.

 

 

Il programma prevede, per tutti e quattro i giorni, la Celebrazione Eucaristica dalle 8,00 seguita dall'esposizione del SS. Sacramento e adorazione interrotta. Alle 18,30 la celebrazione del Vespro, Omelia e Benedizione Eucaristica.

4

9ª GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI 
Comunicare la famiglia: ambiente privilegiato dell’incontro nella gratuità dell’amore

2015

Messaggio del Santo Padre

Il tema della famiglia è al centro di un’approfondita riflessione ecclesiale e di un processo sinodale che prevede due Sinodi, uno straordinario – appena celebrato – ed uno ordinario, convocato per il prossimo ottobre. In tale contesto, ho ritenuto opportuno che il tema della prossima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali avesse come punto di riferimento la famiglia. La famiglia è del resto il primo luogo dove impariamo a comunicare. Tornare a questo momento originario ci può aiutare sia a rendere la comunicazione più autentica e umana, sia a guardare la famiglia da un nuovo punto di vista.

Possiamo lasciarci ispirare dall’icona evangelica della visita di Maria ad Elisabetta (Lc 1,39-56). «Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: “Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo!”» (vv. 41-42).

    Anzitutto, questo episodio ci mostra la comunicazione come un dialogo che si intreccia con il linguaggio del corpo. La prima risposta al saluto di Maria la dà infatti il bambino, sussultando gioiosamente nel grembo di Elisabetta. Esultare per la gioia dell’incontro è in un certo senso l’archetipo e il simbolo di ogni altra comunicazione, che impariamo ancora prima di venire al mondo. Il grembo che ci ospita è la prima “scuola” di comunicazione, fatta di ascolto e di contatto corporeo, dove cominciamo a familiarizzare col mondo esterno in un ambiente protetto e al suono rassicurante del battito del cuore della mamma. Questo incontro tra due esseri insieme così intimi e ancora così estranei l’uno all’altra, un incontro pieno di promesse, è la nostra prima esperienza di comunicazione. Ed è un'esperienza che ci accomuna tutti, perché ciascuno di noi è nato da una madre. Continua la lettura.

4-7 Dicembre 2014: Ravello fa memoria della Compatrona Santa Barbara da Nicomedia

La comunità ecclesiale di Ravello si appresta a celebrare la memoria liturgica di Santa Barbara da Nicomedia, Vergine e Martire, compatrona della città. Una figura venerata per antica tradizione popolare e sempre presente nella storia religiosa di Ravello, come attestano le numerose testimonianze documentarie e artistiche.

La presenza del culto di Santa Barbara a Ravello risale, infatti, almeno all’epoca del vescovo Costantino Rogadeo (1094 - 1150), quando una reliquia della martire, recante il sigillo del presule, veniva riposta, insieme a quelle di altri santi, nell’altare maggiore della chiesa parrocchiale di San Pantaleone, nella Piazza di Sant’Adiutore, l’odierna Piazza Fontana.

Sulla base del consolidato legame devozionale, nel passato,  è stata anche supposta l’esistenza di un antico patronato della santa sulla città, precedente quello di San Pantaleone. Una tesi che, però, non trova alcun riscontro nelle fonti archivistiche e storiografiche, come già nel 1887 evidenziava Luigi Mansi, canonico della Cattedrale e profondo conoscitore di storia patria, in quanto “in tutte le carte e i documenti del nostro archivio nulla se ne dice”. Continua la lettura

Il Cardinale Angelo Amato presiederà le solenni celebrazioni in onore di San Pantaleone. Il programma è online

Sarà S.Em.za Rev.ma Cardinale Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, a presiedere i Primi Vespri e le solenni celebrazioni in onore di San Pantaleone. 

In questo momento dell’anno liturgico si risveglia nel cuore di quanti custodiscono, con intelletto d’amore, le belle e secolari tradizioni religiose dei nostri padri un sincero e generoso sentimento di devozione verso un cristiano d’altri tempi, il giovane medico Pantaleone da Nicomedia, che la Città di Ravello ha scelto ed invoca come suo principale celeste Tutore e Protettore.  A 17 secoli dal martirio, che nel suo significato etimologico significa “testimonianza”, San Pantaleone ci narra la storia del suo totale e intrepido “Sì” a Dio e ci conferma nella convinzione che, oggi come ieri, il cristiano è l’uomo coraggioso delle decisioni definitive, illuminate dalla speranza nella trascendente fiducia in Dio che rende eterna la vita spesa nel servizio della verità e dell’amore. Al Santo taumaturgo, gloria di Dio e perennemente vivo tra noi nella preziosa reliquia del suo Sangue, eleviamo coralmente una fiduciosa preghiera: “Sia gloria e lode alla Trinità che volle affidare la protezione di Ravello a così grande martire”. Leggi tutto

26 e 27 Luglio: Ravello celebra il suo Santo Patrono

Segui la diretta facebook Ravello in Festa.

La festa patronale costituisce ancora oggi per Ravello un momento speciale di preghiera e di gioia. Un’occasione per rinnovare spiritualmente la comunità e per rinsaldare i legami con le origini di una tradizione secolare, che magnifica il “dies natalis” di Pantaleone da Nicomedia, martire e taumaturgo, presente in mezzo a noi attraverso la reliquia del suo sangue.

Il mattino del 26 luglio sarà salutato dal Pregiato Gran Concerto Musicale “Città di Francavilla Fontana” (BR), diretto dal M° Ermir Krantja, che darà inizio ai festeggiamenti con l’esecuzione di marce sinfoniche in Piazza Duomo e per le vie del paese. I matinée (ore 12.00) e le esecuzioni serali del 26 (ore 21.00) e 27 luglio (ore 22.15) riproporranno agli appassionati cultori delle orchestre di fiati le più belle pagine sinfoniche ed operistiche tratte da Dvorak, Čajkovskij, Donizetti, Puccini, Rossini e Verdi. Leggi tutto

25 Luglio: VOENA Children's Choir nel Duomo di Ravello

Venerdì 25 luglio alle ore 21.00 il Duomo di Ravello accoglierà il coro VOENA diretto dal M° Annabelle Marie. VOENA è un'esperienza musicale multi-culturale ed etnica che reinventa il concetto tradizionale di "Coro" nella stessa maniera in cui il "Cirque du Soleil" ridefinisce il concetto di "Circo". La Fondatrice e Direttrice Annabelle Marie sta cambiando lo scenario tradizionale ricreando in maniera nuova, vivace e contagiosa le performances del suo Coro di bambini. I giovanissimi e appassionati cantanti di età compresa tra i 6  e i 18 anni si esibiscono  in originali ed accattivanti arrangiamenti vocali dai ritmi contagiosi e dai momenti teatrali incantevoli. Leggi tutto

24 Luglio: Ravello tra Monarchia e Repubblica, Convegno sulla rinascita della democrazia in Italia

Va', divertiti tu, ora». Furono queste, come riferiva lo storico Antonio Spinosa, le parole pronunciate da Re Vittorio Emanuele III dopo aver apposto la propria firma al regio decreto che di fatto consegnava la luogotenenza del Regno nelle mani del figlioUmberto, principe di Piemonte. Era il 5 giugno 1944 e quell'appuntamento con la storia si tenne a Ravello, nel palazzo Episcopio, dove i regnanti dimoravano dal mese di febbraio.

Per ricordare e approfondire un crocevia fondamentale della storia democratica d'Italia, proprio nei mesi in cui veniva concepita la Repubblica, giovedì 24 luglio prossimo, nella suggestiva cornice della chiesa monumentale di San Giovanni del Toro, a Ravello, si svolgerà un'importante Giornata di Studi dal titolo: "Ravello tra Monarchia e Repubblica. La rinascita della democrazia in Italia".

Articolata in due sessioni con inizio alle 9,30, l' atteso evento culturale vedrà la partecipazione di docenti universitari di Storia Contemporanea e di studiosi locali. Leggi tutto

Campania>artecard

Museo Duomo


Trip Advisor: Duomo di Ravello

 Duomo di Ravello

 

 


Mons Giuseppe Imperato
Piazza Duomo di Ravello
Ravello (SA)
TEL 089857160/089858311
cell. 3397554460